Almeno 3 morti e oltre 20 feriti: è il bilancio dell’attacco contro una base dei peacekeeper delle Nazioni Unite a Kidal, nel nord del Mali. Lo ha reso noto Olivier Salgado, portavoce della missione Onu nel Paese (Minusma), citato dall’agenzia di stampa Xinhua. Tra i feriti, alcune persone versano in gravi condizioni. Secondo la sua ricostruzione, l’attacco è avvenuto attorno alle 4 del mattino. “Sono stati lanciati 4 o 5 razzi contro la base”, ha detto Salgado ad alcuni media, “diverse persone sono rimaste ferite ma è troppo presto per dare un numero preciso”.

L’attacco arriva dopo quello della scorsa settimana contro l’hotel Radisson Blu di Bamako, costato la vita a più di 20 persone. Due giorni fa le autorità maliane hanno annunciato l’arresto di due persone in relazione all’attacco di Bamako.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Uganda, il Papa richiama il mondo sul tema dei migranti: “Accoglienza prova della nostra umanità”

prev
Articolo Successivo

Cina, scuola confuciana per lavoratori migranti: lezioni anche in cantiere

next