Sta per cominciare in Vaticano il processo per il caso Vatileaks 2. Ricapitolando: sono indagati monsignor Lucio Vallejo Balda, ex segretario della Commissione referente sulle strutture economiche e amministrative della Santa sede (Cosea), detenuto, Francesca Immacolata Chaouqui, un ex collaboratore della Cosea, Nicola Maio. E pure due giornalisti italiani, Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, autori rispettivamente di Via Crucis (Chiarelettere) e Avarizia (Feltrinelli). A loro è stato comunicato di essere indagati circa dieci giorni fa; il processo inizia dopodomani. Il reato ipotizzato, per i due colleghi, è quello previsto dall’articolo 116 bis del codice penale vaticano, concorso nella divulgazione di notizie e documenti riservati; agli altri tre è contestata anche l’associazione a delinquere.

Udienza al Tribunale della Rota Romana in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Giudiziario

I giornalisti sono stati convocati per un interrogatorio in Vaticano; Nuzzi, che non si è presentato, ha spiegato: “In Vaticano non è prevista la ‘non punibilità’ che deriva dall’esercizio di un diritto, come in Italia. Né è riconosciuta la possibilità di manifestare liberamente il pensiero come sancisce l’articolo 21 della nostra Costituzione. Per loro chi fa cronaca è punibile. Non esiste nel codice di procedura penale vaticano una norma che tuteli il ‘segreto professionale’ sulle fonti come in Italia. La divulgazione di notizie segrete non è per il giornalista una medaglia, come accade per la libera stampa in tutto il mondo democratico, ma è sempre e comunque un reato. Non solo divulgare documenti, ma anche notizie segrete. Notizie che non riguardano la sicurezza nazionale, ma in quante centinaia di metri quadri abita un cardinale o dove vanno a finire le offerte. Non mi presento in uno Stato in cui il codice di procedura penale è più o meno fermo al 1913 quindi al tempo del re e applica il Codice penale Zanardelli, in vigore in Italia fino al 1930”. A questo si aggiunga che il Tribunale è composto da tre membri laici, nominati dal pontefice. E che se la divulgazione di notizie e documenti riguardano “gli interessi fondamentali o i rapporti diplomatici della Santa Sede e dello Stato si applica la pena della reclusione da quattro a otto anni”. Non proprio una bazzecola.

Il quadro giuridico – tempi a garanzia della difesa, composizione del collegio giudicante, norme applicate – ci fa pensare di essere tornati indietro di un secolo. Ma soprattutto colpisce il paradosso: quello che in Italia è un diritto (e un dovere), cioè informare, in Vaticano è un reato. A nulla quindi vale opporre il diritto di cronaca e quello d’informazione, perché esiste solo da una parte del Tevere. E qui sorge una domanda: cosa possono dire i giornalisti che si occupano dello Stato della Chiesa? Solo quello che va bene al Vaticano, pare di capire. Come ha detto Fittipaldi: “In tutto il mondo i giornalisti hanno il dovere di pubblicare notizie e segreti che il potere, qualunque esso sia, vuole tenere nascosti all’opinione pubblica”. Concetto ribadito anche da una (per la verità stringata) nota dell’Ordine dei giornalisti del Lazio: “Per noi è compito del giornalista diffondere notizie e documenti utili affinché i cittadini siano informati ed è bene ricordare che in Italia esiste per questo l’articolo 21 della Costituzione. L’Ordine dei giornalisti del Lazio esprime solidarietà e sostegno ai colleghi Nuzzi e Fittipaldi rei di aver svolto il loro mestiere”. Voce rimasta solitaria: né l’Ordine nazionale, né la Federazione della stampa sono intervenuti. Per dire: sulla pagina Facebook del presidente dei giornalisti – Enzo Iacopino, ritratto con il Papa – ieri compariva un post sull’oroscopo di Branko.

Il Fatto Quotidiano, 22 novembre 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook e calunnie – Io difendo Salvini: il post contro mio padre è un falso

next
Articolo Successivo

Pubblicità progresso: come rendere la comunicazione sociale efficace. Anche contro l’Isis

next