Stamattina a Radio popolare Lorenzo Cremonesi, storico inviato del Corriere della Sera in Medio Oriente, ha spiegato in modo molto semplice e chiaro che l’Isis ha tutto l’interesse ad aizzare i giovani musulmani delle banlieue di Parigi, con l’obiettivo di farli diventare sempre più un serbatoio di fanatica manovalanza del kalashnikov.

Dopo gli attentati della notte nella capitale francese, a chi finisce per essere utile un titolo di prima pagina come quello di Libero oggi, “Bastardi islamici? Al di là che non si capisce che cosa abbia a che fare con il giornalismo, pensiamo all’effetto che può provocare su un milione e 600mila musulmani presenti in Italia (dati Idos 2014) vedersi insultati in massa e associati indistintamente ai macellai parigini. E in particolare che effetto può fare sui più giovani, sulle seconde generazioni. Se fossi il social media manager di un sito jihadista mi fregherei le mani e quel “Bastardi islamici” comincerei a postarlo, condividerlo e diffonderlo il più possibile su facebook, twitter, chat varie…

libero islamici

E Salvini? Come utile sponda di chi cerca lo scontro di civiltà potrebbe avere un premio alla carriera, insieme a tutta la Lega. Dopo le stragi in Francia ha twittato: “Buonisti=complici”. Forse su chi è complice di chi dovrebbe farsi due domande in più.

Se uno pensa di aver di fronte un nemico – addirittura tutto l’Islam in blocco – la strategia più elementare è dividerlo, non compattarlo, come fanno Salvini e Libero mentre l’Isis sentitamente ringrazia. Con tutte le differenze del caso, le Brigate rosse non furono sconfitte da titoli come “Comunisti bastardi“, ma al contrario – oltre che da indagini, intelligence, arresti e pentimenti – dall’isolamento a cui le “masse” di sinistra le condannarono, prosciugandone il brodo di coltura.

Dopo la strage di Charlie Hebdo, molti musulmani sono scesi in piazza in Italia e in Europa a manifestare contro la violenza degli estremisti. E i social media manager della Jihad non hanno neppure acceso lo smartphone.

Allora che cosa facilita davvero il proselitismo jihadista a Parigi come a Milano o Roma? Una risposta arriva dall’ormai citatissima ricerca di Lorenzo Vidino, che i jihadisti italiani li ha studiati sul serio (a differenza di Salvini):

Si può teorizzare che un fattore importante sia l’assenza (di) integrazione intesa nel senso di appartenenza a una determinata società, indipendentemente  dalle proprie condizioni socio-economiche. Molti musulmani europei che si radicalizzano sono soggetti confusi dalla loro identità e che rintracciano un mondo di appartenenza in un’interpretazione fondamentalista dell’islam, invece che nella loro identità di cittadini europei.

Sentirsi dare dei bastardi a tutta pagina può influire decisamente sulla scelta di campo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Attentati a Parigi, la prima di Libero: “Bastardi islamici”. Belpietro denunciato

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi, #restiamoumani

next