Non è bastata la vittoria sul Chievo per salvare la panchina di Giuseppe Iachini. Il Palermo ha infatti esonerato l’ormai ex-tecnico rosanero. Il successore è Davide Ballardini che ha già allenato la squadra siciliana nella stagione 2008-09 quando aveva ottenuto l’ottavo posto in serie A. Decisivo per l’esonero di Iachini è stato l’andamento in campionato prima della vittoria con il Chievo: dopo un buon inizio di stagione, in otto partite ha ottenuto solo 4 punti. Probabile che la sorte del tecnico fosse già stata decisa e Maurizio Zamparini abbia aspettato la sosta per le nazionali per effettuare il cambio di panchina. In una nota la società rosanero ringrazia il tecnico “per il lavoro svolto e i traguardi ottenuti nelle ultime due stagioni”, tra cui la promozione in Serie A due stagioni fa. Ballardini verrà presentato già nella giornata di oggi.

Intanto è saltata anche un’altra panchina di Serie A. La Sampdoria ha infatti deciso di esonerare Walter Zenga dopo la sconfitta interna contro la Fiorentina. L’ufficialità è arrivata con una nota sul sito del club genovese. Non c’è ancora un sostituto: il primo nome sulla lista di Ferrero è Vincenzo Montella, ex allenatore proprio dei Viola. La situazione è però congelata a causa dell’addio burrascoso dell’ex “aeroplanino” con la Fiorentina. Montella ha un contratto con i viola fino al 2017 e ha una clausola rescissoria di 5 milioni di euro. Ferrero sta trattando con Della Valle per liberarlo gratis o almeno abbassare le pretese. In caso contrario i candidati a sedersi sulla panchina blucerchiata sono Luigi Delneri ed Eugenio Corini. Ma di sicuro c’è che Zenga verrà esonerato: era già stato messo in discussione a inizio stagione per lo 0 a 4 subito in casa dai serbi del Vojvodina nei preliminari di Europa League che di fatto aveva compromesso l’avventura europea dei blucerchiati.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Forest Green Rovers, in Inghilterra il primo club di calcio totalmente vegano

prev
Articolo Successivo

Stadio del Milan al Portello, Fondazione Fiera: “Chiederemo i danni al club per il dietrofront”

next