L’Antitrust ha aperto un’istruttoria sull’acquisizione del controllo su Moby e Compagnia Italiana di Navigazione (Cin) da parte dell’armatore napoletano Vincenzo Onorato, attraverso Onorato Partecipazioni. L’authority spiega in un comunicato di voler “accertare l’eventuale rafforzamento di una posizione dominante nel mercato del trasporto marittimo di passeggeri, autovetture e merci tra l’Italia continentale e la Sardegna, sulle rotte Genova-Olbia-Genova e Civitavecchia-Olbia-Civitavecchia“. Il rischio è che sia “eliminata in modo sostanziale e durevole la concorrenza”.

L’autorità garante nota che a Onorato fanno capo sia Moby sia Cin, che a sua volta ha acquisito il ramo d’azienda di navigazione della ex compagnia pubblica Tirrenia e offre il servizio di trasporto marittimo tra l’Italia e le isole maggiori e minori: Sardegna, Sicilia e Tremiti. La convenzione tra Cin e il ministero dei Trasporti prevede frequenze obbligatorie e tariffe massime, ma “alcune rotte che assicurano volumi di traffico particolarmente elevati, tra cui la Civitavecchia Olbia, sono sottratte al regime convenzionale nei mesi estivi per consentire a Cin/Tirrenia di praticare prezzi maggiormente orientati al mercato”. L’istruttoria dovrà concludersi entro 45 giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Latte, dopo proteste governo vara fondo da 55 milioni. Lactalis sospende il ritiro

prev
Articolo Successivo

Poste, ancora giù i ricavi da consegne. Crescono i servizi finanziari e assicurativi

next