A chi non piacerebbe aggiudicarsi una Volkswagen nuova fiammante anche se ha problemi di certificazione degli inquinanti?
In oltre centomila ci cascano e stanno facendo da megafono nelle ultime ore all’iniziativa della Pagina Facebook fasulla di “Volkswagen. Italia”.

Un post datato 31 ottobre invita a fare share o like per partecipare a un concorso per aggiudicarsi una delle vetture tedesche in palio, 800mila auto che saranno ‘regalate’ a San Valentino.

Ecco il messaggio: volkswagen-regalo

Ricordiamo a tutti che la pagina ufficiale Facebook di Volkswagen Italia è questa, e appare la spunta blu che denota una pagina verificata direttamente da Facebook. La spunta blu dà la garanzia agli utenti del social che si tratta di un’emanazione di un’organizzazione ufficiale linkata correttamente sul sito istituzionale.

L’autore della bufala invece è Ermes Maiolica, non nuovo a questo tipo di burle. Nelle sue maglie erano già caduti in tanti (Antonella Clerici, Vasco Rossi, Jovanotti ‘Rissa con un suo sosia’, Teo Mammuccari ‘Arrestato per cocaina’), ora a farne le spese è la casa automobilistica tedesca.

bufala-volkswagen-800000-regalo-emissioni (1)

Abbiamo sentito David Puente, responsabile del sito bufale.net, che ha prontamente segnalato la ‘finta notizia’ sul suo sito.

“Questo ragazzo (Ermes Maiolica) è davvero bravo a rendere virali le bufale. Ormai lo conosciamo da molto tempo e non è un cattivo ragazzo. Ha fatto arrabbiare sicuramente qualcuno, ma in fondo lui non lo fa per guadagnare, come fanno altri con bufale anche peggiori e dannose per la società. Lui vuole solo divertirsi”.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

2 novembre: non fate la stupidaggine di morire

next
Articolo Successivo

Pasolini ucciso una seconda volta

next