violenza_donne_675

Il 25 novembre sarà la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ma l’accanimento, in mille gradi e sfumature, contro le donne con disabilità rappresenta ancora un tabù, una realtà troppo difficile da affrontare. La violenza su donne in stato di inferiorità o debolezza – perché con disabilità fisica o psichica, perché straniere, perché ospiti di una comunità – ha come vittime esseri umani doppiamente discriminati e oltraggiati. Che andrebbero difesi con più forza.

Purtroppo esiste un vuoto legislativo: la violenza di genere è aggravata solo dalla famigliarità dell’aguzzino o dalla minore età della vittima. Nella legge, che pure è stata un passo avanti, non si parla mai di disabilità. Un vuoto legislativo e di comunicazione da colmare: per l’organizzazione mondiale della salute il 33% delle donne “normodotate” è vittima di violenza (soprattutto da parte di fidanzati e mariti), ma nel caso di donne con disabilità si presume che si arrivi al 40% (solo il 10% però denuncia la violenza subita).

Il fatto che non esista un dato preciso è oltremodo significativo: di questo doppio tabù – violenza e disabilità – si parlerà in maniera concreta giovedì 5 novembre a Torino (ore 15,30, sala del Museo della radio e della televisione, via Verdi 16) proponendo una modifica alla legge. L’associazione Se non ora quando si farà portatrice della richiesta ai vertici dello Stato e ripercorrerà le esperienze che hanno portato ad affrontare casi concreti e a trovare soluzioni – per esempio consultori accessibili – in modo da evitare il cliché che vede le persone disabili come non portatrici di genere, asessuate, per cui non è necessaria educazione e prevenzione in materia sessuale. Se non ora quando è un movimento trasversale formato da donne diverse per età, provenienza, idee politiche e religiose. Raccoglie anche appartenenti ad associazioni e gruppi femminili, donne indipendenti del mondo della dello spettacolo, del giornalismo, della scuola e di tutte le professioni. Per interagire con il gruppo nazionale potete mandare una mail a: info@senonoraquando.eu.

Infine due parole sull’associazione no profit Verba (011.442.80.07; ass.verba@libero.it): nata nel 1999, si impegna a dare un aiuto volontario e concreto a chi si trova in situazione di bisogno. In modo particolare, con la maggioranza del direttivo e dei soci composta da persone disabili, orienta la sua attività sulle problematiche della disabilità al fine di promuovere specifiche iniziative nel campo delle pari opportunità e dell’inclusione sociale. Combattere contro la doppia discriminazione è la principale missione di Verba. Una missione e una causa che tutte le donne dovrebbero sposare.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asili nido, mando lì mio figlio e non mi sento in colpa

next
Articolo Successivo

Tumore, il seno non è una cura

next