“Gli Emirati Arabi Uniti sono famosi per i loro incredibili deserti, i safari e le corse sulle dune, ma le performance delle vetture americane e giapponesi non erano semplicemente abbastanza elevate. Per questo abbiamo deciso di formare una squadra per concepire e costruire l’auto che tutti noi desideriamo, pensata appositamente per il deserto”. Parola del direttore del nuovo marchio Zarooq Motors, Mohammed Al Qasi, ex direttore operativo del circuito di Yas Marina, ad Abu Dhabi. Il nome Zarooq, fa sapere la Casa, indica nella lingua locale il serpente più rapido del deserto, il “Sand Racer Schokari”. Sand Racer è anche il nome del primo modello del marchio, anticipato dai bozzetti qui sopra. Nasce dall’esigenza di un mezzo che non sia ingombrante come i grossi 4×4 stranieri e nemmeno pericoloso come i buggy scoperti, spiega Al Qasi nel comunicato ufficiale della Casa.

La Zarooq Sand Racer pesa solo 950 kg ed è spinta da un V6 3.5 capace di erogare, dice il costruttore, fra 300 e 500 CV di potenza. L’altezza da terra di 45 centimetri le permette di affrontare ogni ostacolo, la carrozzeria chiusa è stata disegnata da Anthony Jannarelly, il creatore della Lykan Hypersport, supercar in edizione limitata prodotta dalla W Motors (altra società emiratina) apparsa anche nel film Fast and furius 7. La vettura sarà fabbricata a Dubai con il partner Jannarelly & Julliot Special. I dettagli del progetto saranno diffusi la settimana del Gran Premio di Abu Dhabi di Formula 1, a fine novembre, ma la vettura si può già ordinare: costa fra gli 80.000 e i 160.000 dollari a seconda delle opzioni; le prime consegne sono previste per l’inizio del 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Doc e Marty 30 anni dopo: per Toyota, l’auto di ‘Ritorno al futuro’ è a idrogeno

prev
Articolo Successivo

Volkswagen Italia, Flavio Tosi porta solidarietà di Verona. E indossa la maglia ‘Siamo tutti VW’

next