Il sistema di pilotaggio automatico della nuova “Model S“, l’auto elettrica della californiana Tesla Motors, ci proietta nel futuro tanto atteso delle self-driving cars, le auto che si guidano da sole. Dotato di 12 sensori ad ultrasuoni, GPS, radar e fotocamera frontali, l’autopilot della Model S è in grado di navigare quasi autonomamente in mezzo al traffico urbano di New York, eseguendo cambi di corsia e mantenendo la distanza di sicurezza dagli altri mezzi. Quello che non può fare – per ora – è portati da un punto A ad un punto B in completa autonomia, senza l’intervento del conducente. Per questo motivo, non possiamo parlare di “driverless car“, bensì dell’evoluzione naturale del cruise control, un sistema già presente in numerose auto di fascia medio-alta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Startup, il sito con le storie di chi ha fallito per “imparare la lezione”

next
Articolo Successivo

Smart city, Milano e Bologna in testa. Roma 21esima, ultima Reggio Calabria

next