Due donne cinesi di 49 e 22 anni, madre e figlia, uccise a colpi d’accetta nella loro abitazione a Pordenone al culmine di una lite famigliare. Per il duplice omicidio è stato fermato il consuocero di 57 anni, Yongxin Wu, connazionale delle vittime, e socio in affari di entrambe, con cui gestiva un bar, che le ha ripetutamente colpite al collo con una mannaia per motivazioni economiche.

Dopo aver commesso l’omicidio l’uomo è stato bloccato in strada dal genero, figlio e fratello delle vittime, con il quale ha iniziato a litigare: alcuni passanti hanno chiamato le forze dell’ordine e gli agenti, appena hanno notato gli abiti e le mani sporchi di sangue di Yongxin Wu, sono entrati nell’appartamento e hanno scoperto i corpi delle due donne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mantova, minacce e insulti contro Polizia locale su Facebook: 15 denunciati

prev
Articolo Successivo

Sinodo, tredici contro Bergoglio

next