Due donne cinesi di 49 e 22 anni, madre e figlia, uccise a colpi d’accetta nella loro abitazione a Pordenone al culmine di una lite famigliare. Per il duplice omicidio è stato fermato il consuocero di 57 anni, Yongxin Wu, connazionale delle vittime, e socio in affari di entrambe, con cui gestiva un bar, che le ha ripetutamente colpite al collo con una mannaia per motivazioni economiche.

Dopo aver commesso l’omicidio l’uomo è stato bloccato in strada dal genero, figlio e fratello delle vittime, con il quale ha iniziato a litigare: alcuni passanti hanno chiamato le forze dell’ordine e gli agenti, appena hanno notato gli abiti e le mani sporchi di sangue di Yongxin Wu, sono entrati nell’appartamento e hanno scoperto i corpi delle due donne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mantova, minacce e insulti contro Polizia locale su Facebook: 15 denunciati

next
Articolo Successivo

Sinodo, tredici contro Bergoglio

next