Max Biaggi rinviato a giudizio per evasione fiscale. L’ex campione del mondo di motociclismo a processo a Roma con l’accusa di avere evaso al fisco circa 18 milioni di euro. Lo ha deciso il gup Valerio Savio che ha fissato il processo al 15 settembre del 2016 davanti al giudice monocratico Bruno Costantini. Per la Procura Biaggi “al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte sui redditi” commetteva “atti fraudolenti consistiti nel trasferimento della propria residenza nel Principato di Monaco”.

Secondo l’accusa, il campione del mondo nel Motomondiale e poi nella Superbike, contro il quale si è costituita parte civile Equitalia, “aveva trasferito la sua residenza nel Principato di Monaco e affidando lo sfruttamento dei suoi diritti d’immagine, derivanti dai contratti di sponsorizzazione con la società Dainese Spa, a società di capitale con sedi a Londra, Montecarlo e Madrid, idonei a rendere del tutto inefficace il recupero delle somme dovute al fisco”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione non è solo “percepita”. E l’Onu richiama l’Italia su prescrizione e patteggiamenti

prev
Articolo Successivo

Carcere di Bollate, accade che un uomo e una donna facciano sesso. Elogio della normalità

next