L’acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori, sebbene annunciata, è arrivata come un tsunami nel mondo editoriale italiano. Le borse hanno reagito bene, e ti pareva? Meno entusiasti appaiono gli operatori del settore, in particolar modo i librai. Alberto Galla, presidente dell’Ali (Associazione librai italiani) ha espresso le perplessità sul piano commerciale a nome della categoria. Ha anche precisato di “non essere troppo preoccupato dal punto di vista editoriale…

Io, invece, lo sono anche dal punto di vista editoriale, perché una tale concentrazione di marchi non fa bene al settore. E voi mi chiederete, ma cosa c’entra tutto ciò con l’editoria digitale?
Questa operazione potrebbe dare nuova linfa al settore self-publishing, far crescere gli indie e far approdare su questa spiaggia anche scrittori blasonati e molto noti. Andrea De Carlo, ad esempio, ha già annunciato, in un’intervista a Il Libraio, di essere attratto dal self-publishing e dai piccoli editori. Le sue parole sono rimbalzate su Twitter.

Vale la pena di ricordare che Umberto Eco, lo scorso febbraio, aveva pubblicato su Il Corriere della Sera un appello contro tale acquisizione chiamando in causa proprio l’Atitrust. Un appello firmato dagli autori di Bompiani ma sottoscritto anche da molti scrittori di altre case editrici.

Ora tutti confidano nell’Antitrust, ma cosa accadrà se arriverà l’approvazione? Gli autori firmatari lasceranno il nuovo polo editoriale e si rivolgeranno ad altre case editrici?
Indubbiamente si genererà uno sconvolgimento nel settore, che sarebbe ancora più grande se alcuni autori decidessero di entrare a far parte del variegato mondo dei self-publisher.
In altri Paesi è accaduto. In Gran Bretagna nel 2012 Orna Ross ha fondato ALLi- The Alliance of Independent Authors un’associazione che riunisce gli indie a livello mondiale e in poco tempo è diventata molto potente.

E in Italia cosa accadrà? Staremo a vedere, ma non vi nascondo che a me piacerebbe vedere un po’ di scompiglio nel settore dell’editoria, un mondo legato a vecchie e spesso poco chiare consuetudini che sicuramente non giovano alla cultura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Android, un miliardo di dispositivi a rischio: scoperti due nuovi bug

next
Articolo Successivo

Privacy, Corte Ue: “Usa non garantiscono protezione dei dati personali”

next