Settima pole stagionale per Marc Marquez che alle qualifiche del gran premio di Aragon si è imposto con lo strepitoso tempo di 1’46.635, nuovo record della pista. Appena 108 millesimi in più è invece il tempo fatto registrare da Jorge Lorenzo, unico capace di impensierirlo, seguito a 543 millesimi da Andrea Iannone. Lo spagnolo della Honda è stato anche protagonista di una caduta  senza conseguenze. Partirà dalla sesta posizione, invece, Valentino Rossi, in ritardo di 857 millesimi, preceduto da EspargaroPedrosa (+0.722) . Dietro al Dottore si è piazzata la Suzuki di Aleix Espargaro. Nella top ten anche Danilo Petrucci , nono con la Ducati e stretto nella morsa dei britannici Cal Crutchlow , della Honda e Bradley Smith con la Yamaha.

“Sono contento per pole, spiace per il team che dovrà riparare la moto… Ma siamo a posto così”, ha commentato  Marquez, che è caduto durante le qualifiche. “Il cambio moto? Il piano era quello di fare 2-3 uscite, ho visto che nella terza avevo un miglior grip – ha spiegato – “Nel primo giro secco sono andato molto forte, dopo con la seconda gomma ho fatto qualche errore. Nel terzo ho visto che potevo andare meglio”.  “Soffro nel pomeriggio, quando diventa più caldo ho difficoltà con le gomme. Il degrado è superiore e fatico a tenere il ritmo, sono in difficoltà in staccata”. E’ invece l’analisi di Valentino Rossi. “Stiamo lavorando, – ha continuato il pilota di Tavullia – ma stamattina non è andata male, sono stato piuttosto veloce. Nel pomeriggio Marquez, Lorenzo e Pedrosa sono stati più veloci con le gomme usate, mi manca un po’ il passo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp, Gran Premio di Aragon: Yamaha domina le seconde libere. Lorenzo più veloce di Rossi

next
Articolo Successivo

MotoGp Aragon, trionfa Lorenzo davanti a Pedrosa. Rossi terzo, Marquez cade

next