Dalla Siria alla Germania a piedi, in auto e in treno. Il racconto di un profugo siriano adesso arrivato in Germania al campo di accoglienza “Bayern Kaserne”, il più grande di Monaco di Baviera. “I trafficanti di uomini sono come una rete, gente che ti consegna ad altra gente, e non si sa chi è il capo, sono organizzati, dei veri professionisti, come la mafia“, racconta. Un viaggio pericoloso perché “una volta che inizi con loro non puoi più tornare indietro e loro abusano di te, sono armati”. Siria, Iraq, Turchia, Bulgaria, Serbia, Ungheria e Austria sono i Paesi attraversati prima di arrivare in Germania. “Ho scelto di venire via terra perché il mare è troppo pericoloso”, prosegue il profugo. Il motivo principale del suo viaggio? “Voglio essere sicuro che i miei figli possano avere un miglior futuro, tutti qui”  di Alessio Pisanò

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, tensione Ungheria-Croazia: Budapest costruisce muro al confine, Zagabria invia bus carichi di profughi

next
Articolo Successivo

Ohio, caduta libera per 67 metri a 120 km orari: nel 2016 le montagne russe più alte e veloci del mondo

next