Cooperazione in omicidio colposo. E’ questo il reato contestato ad Andrea Trudu, il padre di Letizia, la bimba di 11 anni uccisa dalle eliche di uno yacht lo scorso luglio. I due erano in acqua  insieme all’altra figlia davanti a Santa Margherita di Pula (Cagliari), durante una gita su un’imbarcazione guidata dell’amico di famiglia, Maurizio Loi anche lui indagato.

Il pm di Cagliari, Alessandro Pili, contesta a Trudu di aver commesso un’imprudenza nel far tuffare le figlie dallo yacht. Mentre erano in mare, infatti, le eliche dell’imbarcazione si sono messe in moto, risucchiando Letizia. La bimba era stata portata a riva ma morì poco dopo. Gli inquirenti stanno quindi cercando di capire se il padre abbia dato l’assenso al comandante di accendere i motori. Il reato contestato si verifica se il delitto colposo è stato compiuto con la collaborazione di più soggetti. Già a luglio, infatti, era stato indagato per omicidio colposo Loi, che aveva comunque partecipato ai soccorsi della bimba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, protestano architetti: “Logiche clientelari in concorso su area”

next
Articolo Successivo

Castellammare di Stabia, museo con migliaia di reperti archeologici chiuso dal ’97

next