C’è aria di leggenda, ed è sempre così del resto quando si parla di Renzi. Fino a un anno fa ripeteva – e qualcuno gli credeva pure – che lui non avrebbe rinunciato alla bicicletta mentre avrebbe rinunciato alle auto blu e agli sperperi del potere. E’ stato, come sempre, di parola: viaggio con l’aereo di Stato fino a New York per vedere una partita di tennis (150mila euro e più di soldi pubblici), voli di Stato usati anche quando va in vacanza, l’elicottero per tornare a casa nei weekend, un super-jet in affitto da un milione d’euro a settimana (vamos), spese di sondaggi triplicate a Palazzo Chigi da quando c’è lui. Un uomo coerente.

Ma il massimo è la narrazione del suo viaggio a New York. La stampa fascistissima, ops renzissima, si è scatenata. Per carità, capisco che guardare la partita su Deejay Tv e sorbirsi la telecronaca allegramente improponibile di tal Benzi fosse per Renzi (e non solo per lui) una prospettiva poco allettante, ma c’era pur sempre Eurosport. Renzi, ovviamente, è andato lì non per Pennetta e Vinci, che avrà visto giocare mezza volta e per sbaglio mentre cercava in tivù le repliche di Bim Bum Bam (uno dei programmi che più lo hanno formato culturalmente insieme a Mila e Shiro), ma per appropriarsi di una vittoria altrui e per scappare dalle beghe interne (Michele Emiliano alla Fiera del Levante di Bari) ed esterne (il pulviscolo alfaniano che fa le bizze).

Giornali e tivù hanno parlato comicamente di “lungo applauso, quasi un’ovazione”, grida di giubilo “ed è subito show, tra selfie, sorrisi, strette di mano, palline da tennis autografate”. Come no. Pare anche che Billie Jean King, verosimilmente ubriaca o comprensibilmente rincitrullita, lo abbia definito “affascinante e socievole” (“socievole”: praticamente un cocker). Sontuosi anche i racconti secondo cui, quando è apparso inquadrato sul maxischermo, lo stadio sia esploso di gioia. Può essere, ma pare più verosimile che molti nell’Arthur Ashe Stadium si siano chiesti: “Ma chi è quel bischero, con la faccia un po’ da capodoglio ilare, accanto a Michael Douglas e Robert Redford?”

L’effetto tragicomico attuale è reso parossistico dallo sferico Filippo Sensi, quello che gli cura l’immagine (complimenti) e che lavora per deliziarci su Twitter con scatti – impreziositi da mirabili effetto-seppia tipo Istituto Luce – mentre guarda verso l’alto con aria goffo-mistica oppure, nel profilo ufficiale del Presidente del Consiglio (sic), intento a mostrare con Vinci e Pennetta il tricolore al contrario (Matteo non lo fa apposta: è proprio così di natura). E’ tutto bellissimo. Viviamo in un’epoca storica in cui la farsa è così oltrepassata dal reale che, secondo me, si è rotto le palle pure lui. C’è un limite a tutto: tranne al senso del ridicolo di Renzi (e di chi lo celebra).

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Intercettazioni e bavaglio: martedì alla Camera la delega sul processo penale

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, M5S: “No al bavaglio. Nemmeno Berlusconi era arrivato a fare tanto”

next