L’azienda di allevamento chiude, ma lascia nello stabilimento 2mila conigli. Ai quali viene spento, in molti casi, anche l’impianto di aerazione. Così, pochi giorni fa, ecco la scoperta delle carcasse degli animali da parte di due associazioni in cinque capannoni a Collecorvino, in provincia di Pescara. Le carcasse dei 2mila conigli erano coperte da teli della spazzatura o accatastati dentro carrelli industriali e celle frigorifere. Senza parlare dell’odore irrespirabile e mefitico. Così, dopo un esposto delle due associazioni Codici e Dog Village, è stata aperta un’inchiesta per maltrattamento di animali. Dopo un sopralluogo di Forestale, carabinieri, Nas, Asl e polizia provinciale è anche scattato il sequestro dell’intera struttura.

In base ai primi accertamenti delle si ipotizza che parte dei conigli (quelli che si trovavano nelle gabbie) siano morti per soffocamento: l’azienda che gestiva il capannone ha chiuso la sua attività a febbraio e da aprile l’impianto di aerazione sarebbe stato spento. Sulle altre morti dovrà fare chiarezza il titolare della ditta responsabile dell’allevamento abbandonato (di Forlì) e ora sarà sentito dalla Procura. Scongiurata l’ipotesi di infezioni e di pericoli igienico-sanitari per la popolazione del posto: nessuna ordinanza comunale quindi, perché i conigli sarebbero morti da almeno due o tre mesi. Le ipotesi per la morte degli altri conigli vanno dai maltrattamenti, alla malattia o alla denutrizione.

conigli pescara (6)Le associazioni hanno allegato all’esposto (che racconta anche come i capannoni siano “spalancati, raggiungibili da chiunque”) video e foto. L’allevamento dei conigli era stato abbandonato a febbraio per una bonifica del sito; ma poi le vecchie maestranze non vi avevano fatto più ritorno.

Non è mancata una dura polemica a distanza tra Gabriele Bettoschi, responsabile dell’associazione dei consumatori Codici e il sindaco di Collecorvino Antonio Zaffiri. “Non ne sapevo nulla. Dall’esterno non si sentiva nessun odore” ha detto il primo cittadino. “E’ assurdo – ribatte Bettoschi – I cittadini si sono rivolti a noi perché stanchi dell’inerzia del sindaco, che era stato avvertito già da mesi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini, la casa per il profugo c’è. Ed è nel “fortino” degli immigrati

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, nel 2015 45 estremisti islamici espulsi. Individuati 81 foreign fighter

next