Un uomo di 65 anni è stato trovato morto in una pozza di sangue a Ferentino, poco distante da Frosinone.  Il 65enne è stato colpito da tre proiettili vaganti sparati  da un cacciatore. I colpi gli hanno reciso l’aorta femorale in modo fatale. Luciano Bondatti, questo il nome dell’uomo, è infatti morto dissanguato. L’episodio è avvenuto nella mattinata di giovedì (10 settembre), nelle campagne vicino all’abitazione del 65enne.

In un primo momento si era pensato ad un’aggressione di un cinghiale, facendo ripartire l’allarme, dati i recenti casi simili. Ma il ritrovamento dei proiettili nel corpo dell’uomo durante l’esame medico-legale ha sciolto ogni dubbio sulla causa del decesso.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Scattone rinuncia alla cattedra. Mamma di Marta Russo: “Soddisfatta”

next
Articolo Successivo

CasaPound, sindaco di Castano Primo revoca autorizzazione per festa nazionale. Iannone: “Si farà lo stesso”

next