Quando in amore diventiamo simbiotici e abbiamo il terrore di perdere l’altro, cerchiamo di compiacerlo, per poi dire “con tutto quello che ho fatto per te, come puoi lasciarmi?”.
Quando la nostra serenità e valore hanno origine solo dal giudizio e dallo stato d’animo dell’altro.
Quando giustifichiamo il nervosismo dell’altro come una carenza affettiva infantile che cerchiamo di colmare noi.
Quando l’altro torna a casa arrabbiato o arrabbiata e ci chiediamo “cosa ho fatto che non va”.
Quando ci adattiamo a cose che non ci vanno, pensando che, se saremo abbastanza bravi, lui o lei cambierà.
Quando diventiamo fobici e ossessivi se non ci telefona, controllanti e vendicativi se non si comporta come vorremmo.
Quando smettiamo di coltivare interessi e amicizie.
Quando la relazione mette a repentaglio il benessere emotivo.
Quando accade questo, siamo love addicted, amore dipendenti, come diceva già nel 1945 lo psicoanalista Fenichel, il primo a catalogare questa come una sindrome. Giddens, parla di tossicomania d’amore: come con uno stupefacente, proviamo ebbrezza con il partner, ci identifichiamo con i suoi gusti e pensieri e questi diviene indispensabile per stare bene. Cerchiamo “dosi” sempre maggiori di presenza e l’astinenza ci prostra.
Esistiamo solo quando c’è l’altro e abbiamo bisogno di continue rassicurazioni.

È normale che in amore si instauri un legame con il partner, così come è vero che, per poter vivere relazioni libere e sane nell’età adulta, dobbiamo aver vissuto una sana dipendenza nella vita infantile, là dove l’attaccamento era fondamentale per sopravvivere.
Ma, nella dipendenza affettiva, l’amore non è accrescimento reciproco, scambio tra persone libere, piuttosto una dinamica che comporta paura e coazione a ripetere.

I dipendenti affettivi, prevalentemente donne, oggi anche sempre più uomini, non hanno potuto costruire una sana dipendenza infantile e una sana separazione successiva dai genitori, che li portasse alla libertà affettiva.
In loro abitano vuoti da colmare: rifiuto di sé, inadeguatezza, negazione dei propri bisogni e diritti di ricevere amore, ma anche assurda presunzione di farcela, di riuscire cioè, prima o poi, a farsi amare da chi proprio non vuole saperne di amarci o di amarci come vogliamo, proprio come è accaduto con i nostri genitori.

Infatti i dipendenti affettivi tendono a scegliere o attirare partner “problematici”, portatori a loro volta di altri tipi di dipendenza (droghe, alcol, gioco d’azzardo), con personalità narcisistiche o anaffettivi. Con questi creano una codipendenza, distruttiva ma difficile da sanare.
Dipendente e narcisista sono facce della stessa medaglia, come Eco e Narciso nelle Metamorfosi ovidiane: se il bisogno di attaccamento e riconoscimento è contrastato, il bambino non si sente speciale e sviluppa una bassa autostima. La reazione può portare a una personalità dipendente, tesa a soddisfare le esigenze degli altri per ottenere approvazione, o ad una personalità narcisistica, che gonfia il proprio ego per compensare la mancanza di autostima e di sicurezza.

I dipendenti elemosinano continuamente dal partner narcisistico maggior amore, ottenendo il risultato opposto. Si legano a partner che sanno non adatti a loro, ma, nonostante ciò li renda infelici, non riescono a lasciarli.

Entrano in ambivalenza affettiva: “Non posso stare con te, ma neppure senza di te”. Una altalena costante tra sofferenza per umiliazioni e maltrattamenti e angoscia al solo pensiero che la relazione finisca.

Si sviluppa così una vera sintomatologia con ansia, depressione, insonnia, inappetenza, ossessività. Se poi la relazione finisce, “naturalmente” sarà tutta colpa nostra.

I narcisi sono bravi a darci la colpa della rottura ed elencare tutto ciò che di sbagliato c’è in noi: questo crea un trauma d’abbandono, che non fa altro che abbassare ulteriormente l’autostima del dipendente affettivo.

Narciso è identità assoluta che non può conoscere l’altro. Eco è alterità assoluta che si identifica con l’altro e non può conoscere se stessa.
La riparazione? Comincia dalla consapevolezza, dal riconoscimento della dinamica e prosegue affrontando quel vuoto antico che in due modi complementari quanto distruttivi si è cercato di colmare.

Ciò significa occuparsi in prima persona delle proprie solitudini interiori, carenze affettive, bisogni di riconoscimento, piuttosto che proiettarli nella relazione.

Il coraggio di stare presenti a ciò che si ha dentro e concedersi di sentirlo, costruisce la libertà di essere davvero vicini a qualcuno e poter scambiare quell’amore che tanto si desidera.
Per approfondire vedi qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, chi ha ucciso il piccolo Aylan?

next
Articolo Successivo

Migranti: e noi italiani, daremo il benvenuto ai rifugiati?

next