“Qualche giorno fa al meeting di Comunione e Liberazione, Matteo Renzi ha dichiarato che il berlusconismo e l’antiberlusconismo hanno fatto perdere all’Italia vent’anni. Ma da che parte stava il premier durante il ventennio berlusconiano?”. A chiederselo il presidente de il Fatto Quotidiano, Antonio Padellaro, a margine Festa romana che si è svolta a Castel Sant’Angelo. “E’ stato un gigantesco boomerang che – ha spiegato Padellaro – ha scatenato le critiche anche di altri giornali”. Quotidiani che non sembrano raccontare correttamente e approfonditamente le azioni messe in campo dal governo. Job acts, Buona scuola e riforme costituzionali “sono state spiegate come leggi miracolose che avrebbero dovuto cambiare la storia del paese, ma i risultati non sono questi”. Una stampa che appare più imbavagliata rispetto al periodo berlusconiano. “Durante il regno di Berlusconi – conclude – si era formato un blocco di importanti giornali che esprimevano apertamente le loro critiche nei confronti del Cavaliere e del suo operato che oggi non c’è più. La situazione è peggiorata”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casaleggio associati, nel 2014 rosso da 152mila euro. E tra i soci ora c’è il fondatore del primo Meetup M5S

prev
Articolo Successivo

Copyright: sequestrato ‘Popcorntime’, il Netflix dello streaming pirata. E l’Agcom che fa?

next