Vince l’oro ai mondiali di atletica di Pechino, festeggia fino a tardi, si ubriaca e, quando deve pagare il taxi per tornare in hotel, usa la medaglia ricevuta in premio poche ore prima. Protagonista della vicenda è stato il neocampione del mondo di lancio del martello, il polacco Pawel Fajdek, già iridato nel 2013 a Mosca. La mattina dopo, ripresosi dalla sbornia e resosi conto dello “smarrimento” della medaglia, è sceso alla reception dell’albergo e ha telefonato alla polizia per raccontare quanto accaduto. Così le forze dell’ordine della capitale cinese hanno dovuto cercare il taxista: ci sono riusciti e l’autista ha confermato la storia raccontata da Fajdek. Interrogato dalla polizia, ha ribadito di aver “ricevuto la medaglia come pagamento, altro che smarrimento”. Il tassista, che inizialmente non era intenzionato a riconsegnare il prezioso “cimelio”, si è poi convinto e ha restituito la medaglia d’oro al campione del mondo. Resta da capire, però, se e quanto, Fajdek abbia pagato la corsa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Justin Wilson, morto il pilota IndyCar. Era in coma dopo l’incidente in Pennsylvania

prev
Articolo Successivo

Rugby, l’ex azzurro Trevisan si ritira “Voglio prendere i voti e farmi prete”

next