Qualcuno ha scaricato pedopornografia da uno dei computer di Gene Simmons o attraverso l’accesso a internet della sua famiglia. Le forze dell’ordine lo hanno raccontato al sito di gossip Tmz. Al momento, da quanto emerso, né il Simmons, storico fondatore del gruppo rock Kiss, né nessuno dei familiari sono considerati dei sospetti. Inoltre è stato riferito che lo stesso bassista, vero nome Chaim Weitz, si trovava in tour quando si è verificato il download. Gli agenti di polizia di Los Angeles si sono presentati giovedì mattina davanti alla casa dell’ex Kiss a Beverly Hills. La task force contro i crimini informatici a danno dei bambini ha eseguito un mandato di perquisizione alle 8 del mattino (ora locale), sequestrando computer e altre prove.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meeting Cl, monsignor Nunzio Galantino: “Politica guidata più da interessi immediati che da progetti”

prev
Articolo Successivo

Martina Levato, Tribunale dei minori: “Bambino in comunità, madre in carcere”

next