Gli hanno tagliato i fondi per la non autosufficienza e da 7 giorni ha iniziato lo sciopero della fame. Domenico Aldorasi, ex batterista ed ex presidente dei Ladri di carrozzelle (rock band composta da ragazzi con gravi disabilità) ha 49 anni ed è gravemente disabile per via dell’Atrofia muscolare spinale progressiva che lo ha reso del tutto non autosufficiente. Vive a Castelnuovo di Porto (Roma) con sua moglie, operata recentemente alla colonna cervicale. “Quindi – spiega – non può più assistermi come prima e da quest’anno avrò 350 ore di assistenza in meno, perché sono stati favoriti gli altri disabili che non avevano ore di assistenza giornaliera”. Quindi un paradosso: meno hai bisogno di aiuto, più ne ottieni. Almeno così come sembra essere stato deciso dal distretto socio sanitario RM F4 con sede a Formello che ha stilato la graduatoria con il piano assistenziale. Una situazione insostenibile per Domenico che da una settimana ha deciso di non mangiare più. “Lo faccio per me – spiega – ma anche per tutti gli altri, che stanno peggio e sono stati esclusi. La cosa assurda – ci tiene a precisare – è che gente che ancora riesce a muoversi autonomamente o comunque più autosufficiente di me ha ottenuto un punteggio maggiore del mio e potrà usufruire di queste ore in più di assistenza”. Ore preziose, per Domenico, che servirebbero per “farmi alzare la domenica – prosegue – permettermi una piccola vacanza e avere anche un assistente quando mia moglie deve andare dalla figlia a Bari o ha altre faccende da sbrigare”. Criteri sbagliati nel bando, secondo Domenico, ma anche metodologie errate “perché – conclude – per fare una valutazione corretta, gli addetti ai lavori dovrebbero dialogare con gli utenti, conoscere i problemi concreti che la gente nella mia condizione affronta ogni giorno”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, il gestore dell’hotel: “Meglio dei turisti. Ci pagavo bollette e personale”

prev
Articolo Successivo

Crisi, boom di italiani che vivono in roulotte: “Vita da rom, ma siamo poveri di serie B”

next