Svelata la faccia “segreta” della Luna. Il volto nascosto del nostro satellite, quello – per intenderci – che non è mai rivolto verso la Terra, è stato immortalato mentre danza attorno al “pianeta azzurro” nell’immagine scattata dal satellite americano Deep Space Climate Observatory, alla distanza di oltre un milione e mezzo di chilometri dal suolo terrestre.

Si tratta delle foto più nitide mai realizzate prima del volto “oscuro” della Luna, raffigurata mentre sorvola l’oceano Pacifico vicino al Nord America. Le immagini mostrano anche una Terra particolarmente brillante, quasi fosse l’effetto di photoshop. Ma, invece, è tutto reale. 

Le prime foto della faccia nascosta del satellite risalgono al periodo della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica e a catturarle era stata per prima, nel 1959, la sonda Luna 3 lanciata in orbita da Mosca. Quasi quarant’anni dopo, nel 2008, un’altra sonda di Washington, la Deep Impact, aveva ripreso il passaggio lunare attorno alla Terra, questa volta da una distanza ben maggiore: 31 milioni di chilometri e quando il nostro pianeta era solo parzialmente illuminato dal Sole.

Il satellite, lanciato nel febbraio 2015 dall’Agenzia Usa per l’atmosfera e gli oceani per raccogliere dati sul clima, è in grado di offrire informazioni utili a capire le variazioni che quotidianamente avvengono sul nostro pianeta grazie alla fotocamera Epic (Earth Polychromatic Imaging Camera), installata a bordo dalla Nasa per studiare ozono, vegetazione, nubi e atmosfera e che lo scorso luglio ha scattato la foto “epica” che mostra tutta la bellezza della Terra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aids, studio Usa: “Farmaco anticancro per stanare l’Hiv nascosto nel corpo”

next
Articolo Successivo

Notte di San Lorenzo 2015, dopo la Luna blu condizioni ideali per le stelle cadenti

next