“Perché l’autobus non passa”. In un lungo video pubblicato in Rete, un autista dell’Atac prova a chiarire la situazione di quanto sta accadendo a Roma, dove da venti giorni ormai i trasporti sono nel caos. A chi parla di “sciopero bianco”, Christian Rosso, questo il suo nome, replica che la colpa non è di chi guida bus e metro: i disagi sono l’effetto della mala gestione aziendale. “Un servizio che si basa sul trasporto di persone ha meno della metà dei dipendenti che guida – spiega mostrando il cartello con i numeri (5.500 su 12.000) -, è un rapporto iniquo”. “I nostri meccanici – continua – non possono riparare i mezzi perché non hanno i pezzi di ricambio“. Christian mostra poi la registrazione nascosta della richiesta di spiegazioni da parte di alcuni ispettori Atac su un video in cui lui stesso su Facebook mostrava il perché dei disagi, trovandosi senza mezzo al momento in cui avrebbe dovuto cominciare a lavorare. “Quel giorno mi erano state negate le ferie – ricorda -, le avevo chieste per accompagnare mia madre in ospedale, perché gravemente malata. Oltre al danno anche la beffa, niente ferie e neanche la vettura con cui poter lavorare”. Ed infine un appello a partecipare alla manifestazione di martedì prossimo in Campidoglio: “Autisti e cittadini uniti per il bene comune. Ci hanno tolto quasi tutto, non lasciamogli la nostra dignità”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ubriaco in contromano sulla tangenziale di Napoli: due morti. Prima l’inversione a ‘U’, poi 5km a fari spenti

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, l’appello: ‘Liberate Padre Dall’Oglio e i vescovi ortodossi rapiti’

next