Fiat Chrsyler ha deciso di avviare il richiamo volontario di circa 1,4 milioni di veicoli statunitensi equipaggiata con un tipo di radio che potrebbe rendere l’auto vulnerabile alla manipolazione da remoto. Così FCA risponde all’articolo di Wired che aveva dimostrato come due tecnici esperti in sicurezza informatica, Charlie Miller e Chris Valasekavessero facilmente preso il controllo di una Jeep Cherokee. FCA, inoltre, ha dichiarato di aver bloccato l’accesso remoto ad alcuni veicoli con un update pubblicato ieri.

I veicoli richiamati, tutti equipaggiati con il sistema di infotainment dotato di schermo da 8,4″, sono Dodge Viper (model year 2013-2015), pick-up Ram 1500, 2500, 3500, 4500, 5500 (m.y. 2013-2015), Jeep Grand Cherokee e Cherokee (m.y. 2014-2015), Dodge Durango (m.y. 2014-2015), Chrysler 200, Chrysler 300, Dodge Charger (m.y. 2015). L’azienda precisa che il richiamo è volontario ed è stato deciso per un “eccesso di cautela“, visto che non risulta nessun incidente o ferito riferibile alla manipolazione del software.

In cima alla pagina, nella foto di Whitney Curtis per Wired, Miller (a sinistra) e Valasek

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hacker, quant’è facile violare le auto “connesse”. In Usa proposta legge ad hoc

next
Articolo Successivo

Ferrari, e se comprare una Testarossa fosse meglio che investire in azioni?

next