È da dieci anni che PeaceLink si occupa di diossina.

Oggi arriveranno i verdetti della maxi inchiesta Ambiente Svenduto. Oggi è una giornata importante e il Tribunale di Taranto sarà il centro dell’Italia.

Dieci anni fa ogni volta che pronunciavamo la parola diossina non potevamo aggiungere che la diossina dell’Ilva aveva provocato qualcosa. Sarebbe fioccata automaticamente una querela. Ma chi ci ascoltava pronunciare la parola “diossina” pensava subito al disastro ambientale e all’Ilva.

Dieci anni fa potevamo essere accusati di procurato allarme. Dieci anni fa la politica si inchinava ai Riva mentre noi dovevamo misurare le parole.

In questi dieci anni la gente ha conquistato il diritto di prendere la parola. Senza paura. La società civile oggi chiede giustizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti Campania: e se a pagare la maximulta dell’Ue fossero i politici?

prev
Articolo Successivo

Reati ambientali, i compromessi li fa la politica non la magistratura

next