Più poveri e meno sportivi. E’ la fotografia tracciata dalla ricerca “Lo stile di vita dei bambini e dei ragazzi” realizzata da Ipsos per “Save The Children” presentata nei giorni scorsi ad Expo 2015. Quasi un minore su cinque in Italia non fa sport nel tempo libero e per il 27% di loro la motivazione va rintracciata nella mancanza di possibilità economiche della famiglia.

Mamma e papà pur ritendo importante che i loro figli pratichino qualche sport (lo pensa il 90% dei genitori) non arrivano a fine mese e sono costretti a rinunciare a questa spesa. Nemmeno la scuola riesce a supplire questa carenza: un bambino su dieci non pratica attività motoria neppure in aula per mancanza di spazi attrezzati o per l’assenza di lezioni nel programma scolastico. Dopo anni in cui eravamo abituati a vedere i nostri ragazzi impegnati nelle ore pomeridiane in corsi di ogni genere, dal calcio, al basket, al nuoto ora la considerazione che i bambini hanno dello sport è bassa: solo per meno della metà degli intervistati un compagno che pratica un’attività motoria è ben considerato. Per uno su tre questo elemento non è rilevante per la “popolarità” tra i coetanei e più di uno su cinque dichiara che tra amici bisogna invece saperne di videogiochi, campionato di calcio e cartoni animati.

I nostri ragazzi sono decisamente sedentari grazie anche ai “vizi” di mamma e papà: uno su quattro non cammina più di 15 minuti al giorno, dato che aumenta a uno su tre nel Centro Italia; solo il 4% afferma di percorrere a piedi più di un’ora al giorno. Guai a non accompagnarli a scuola in auto: due su cinque arrivano davanti al proprio istituto sulla quattro ruote con i genitori. Un dato positivo è quello dell’uso della bicicletta: la ricerca segnala un aumento del 6% rispetto alla precedente rilevazione facendo salire al 22% la percentuale dei ragazzi tra gli 11 e i 13 anni che usano la due ruote. I bambini e gli adolescenti passano gran parte dei pomeriggi e dei week end in casa: il 56% passa il tempo ascoltando musica; il 49% legge, il 22% afferma di aiutare in casa a fare lavori domestici e il 17% suona uno strumento musicale. “Le difficoltà economiche delle famiglie – spiega Raffaella Marino, direttore programmi Italia – Europa di save The Children Italia – e la mancanza di spazi pubblici adeguati obbligano molti bambini a diventare sempre più sedentari e disabituati a confrontarsi con i loro coetanei”.

Sono tantissimi i genitori che denunciano la mancanza di luoghi all’aperto dove i figli possono incontrarsi con gli amici (33%). Chiare le conseguenze di una vita condotta fin da bambini in questo modo: troppi minori sono grassi. Secondo la ricerca Ipsos, secondo il 65% dei genitori esiste un problema di sovrappeso e obesità infantile tra i bambini della scuola primaria. Un identikit che trova le sue radici nelle cattive abitudini alimentari: il 22% dei bambini non fa la prima colazione tutte le mattine, abitudine che peggiora col crescere dell’età. Solo uno su tre dichiara di fare la merenda sia a metà mattina che a metà pomeriggio, consumando quindi i cinque pasti consigliati al giorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti: il ‘clandestino’ come capro espiatorio di tutti i mali

next
Articolo Successivo

Caldo, è il condizionatore lo status symbol di questa estate poco ecologista

next