Cinquanta arresti per gli scontri in Piazza Syntagma, nel centro di Atene, alla manifestazione contro l’accordo che comporta drastiche riforme in cambio del salvataggio della Grecia. Un gruppo con caschi, estintori e maschere antigas ha fatto irruzione nella piazza con il lancio di molotov, bombe carta e petardi, ai quali la polizia ha risposto, con i lacrimogeni. Un camioncino di una rete televisiva locale greca è stato dato alle fiamme. La polizia ha schierato nella zona di piazza Syntagma questa sera 5mila agenti. Duri gli scontri in viale Amalias, dove sono state infrante vetrine.

video di Cosimo Caridi

A trasformare la piazza simbolo di Atene in un campo di battaglia sono stati una trentina di manifestanti che hanno costretto la maggioranza dei partecipanti a rifugiarsi nei bar e nei negozi ancora aperti. La polizia ha circondato il Parlamento, schierando un imponente dispositivo di sicurezza. Tornata la calma, la manifestazione è proseguita per gridare un pacifico ‘Oxi’ al piano accettato da Tsipras. Il colpo d’occhio a Syntagma, prima dell’arrivo dei violenti, era tutt’altro. C’erano i militanti di ‘Piattaforma di sinistra’, l’ala radicale di Syriza, con i cartelli ‘100% contro il memorandum’. Cantavano slogan come ‘Non diamo le nostre case alle banche’ e ‘Prendete i memorandum e andatevene’. E poi ancora c’erano gli antagonisti di Kontra che distribuivano volantini intitolati ‘O rivoluzione o niente‘. Ma le proteste, nella Grecia chiamata a decidere del suo futuro, erano iniziate già in mattinata con lo sciopero degli statali e l’annunciata serrata delle farmacie.
Il primo corteo è partito a piazza Syntagma poco dopo le 10 del mattino. Erano le donne delle pulizie del ministero delle Finanze, quello che è stato di Varoufakis ed ora è passato a Tskalatos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordo Grecia: salviamo l’Europa da questa Germania!

prev
Articolo Successivo

Syriza, la provocazione dei dissidenti: “Prendiamo 20 miliardi dalla Banca Centrale di Grecia”

next