Non è più furbo né più intelligente, semplicemente ha le palle, che il 90% dei politici italiani non hanno. La vittoria dell’OXI dimostra che non solo è possibile un’altra sinistra, ma che la politica può tornare a riappropriasi di se stessa, dicendo ‘NO’ al potere economico. E’ vero forse i greci non hanno più nulla da perdere, ma l’hanno fatto ridando voce al proprio popolo. Non era per nulla semplice. Se dovessero uscire e dimostrare che si può vivere, magari anche meglio, fuori dall’Euro? Cosa ne sarebbe dell’Unione Europa?

La Grecia dopo averci regalato la civiltà e la democrazia ci ha ricordato cos’è la dignità ridando senso e significato alla parola politica. Dicono che in cinese, la parola “crisi” voglia dire contemporaneamente “pericolo / opportunità”, ebbene i greci dal loro pericolo stanno offrendo un’opportunità a tutti. La possibilità di dire NoXi.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavori estivi all’estero 2015: consigli per trovare corsi, summer job e stage

next
Articolo Successivo

Erasmus plus, sempre più italiani all’estero per studio e stage

next