È stata colpita con almeno quindici coltellate al torace e all’addome mentre era a lavoro nella sua tabaccheria di Asti, in Corso Volta. Non ce l’ha fatta Maria Luisa Fassi. La 54enne è morta all’ospedale Cardinal Massaia, dove era stata ricoverata in prognosi riservata. Non è servito l’intervento chirurgico a cui era stata sottoposta per tentare di salvarle la vita. Intanto è scattata la caccia all’uomo per trovare il responsabile dell’omicidio.

Ad avvisare i carabinieri del comando provinciale di Asti è stato un cliente che ha trovato la donna a terra in un lago di sangue. Inizialmente gli investigatori hanno pensato ad una rapina, ma, pur non escludendo alcuna pista, l’accanimento del malvivente rende meno probabile questa ipotesi. Le forze dell’ordine stanno analizzando i filmati delle videocamere della vicina pizzeria.

La morte della tabaccaia ha fatto crescere la paura nella città piemontese. Alla fine del 2014 un altro tabaccaio era stato ucciso a colpi di pistola da un rapinatore mentre stava cercando di proteggere la moglie. Il 25 giugno invece, un commerciante di frutta e verdura è stato ammazzato a colpi di cric. Si chiamava Francesco Indino, il corpo è stato trovato accanto al suo camion. Il portafoglio della vittima era intatto, elemento questo, che ha reso di difficile percorrenza l’idea della rapina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, il mistero dello studente di Brera ucciso nel fortino dei disperati

next
Articolo Successivo

Caserta: lite per il posto auto, agente polizia penitenziaria fa strage: quattro morti. Sterminata un’intera famiglia

next