Sulla nuova Alfa Romeo Giulia ognuno ha detto la sua. La nostra è di Giulia ce n’è una sola, e non è quella del 2015. Detto questo, bisogna ammettere che la nuova berlina del Biscione è una bella macchina, ma potrà resistere alla sfida del tempo?

La domanda è arrivata guardando alla macchina di oggi e a un mostro sacro dell’Alfa Romeo, con cui abbiamo avuto la fortuna di imbatterci: l’Alfetta. Girando un video con il suo proprietario, Flaminio Massetti, abbiamo capito un po’ di cose sugli appassionati di Alfa Romeo. E adesso è ufficiale: gli alfisti sono ancora più malati degli appassionati “tradizionali” di auto storiche.

Guardando questo video, viene un po’ fuori cos’era davvero il marchio Alfa Romeo. Un misto di innovazione e di stile. Qualcosa che ha portato la Casa di Arese a diventare desiderata a tutte le latitudini. Anche oggi.

E un domani, le Alfa odierne potranno diventare delle belle auto storiche. Magari verrà meno l’eleganza tipica del Biscione, abbinata a un motore grintoso che, una volta scesa la famiglia, permetteva di andare a divertirsi… con una berlina.

Quello che a noi piacerebbe rivedere – e risentire – è il motore Bialbero Alfa Romeo. Nel dubbio, continueremo ad alzare i cofani dei nostri amati ferri vecchi.

Twitter: @Quartamarcia

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alfa Romeo: arriva la Giulia, l’auto del rilancio come la 500 nel 2007 per Fiat

next
Articolo Successivo

L’Alfa Romeo Giulia è bella o no?

next