Matteo Renzi continua a non pubblicare la lista di chi ha partecipato alle cene di finanziamento. A Roma come a Milano, non si sa chi ha avuto il piacere di partecipare a quei banchetti, profumatamente pagati.

Tuttavia questo non è un male. Altrimenti, ci toglierebbe il gusto di scoprirlo man mano nelle diverse inchieste giudiziarie.
Solo nell’inchiesta della Procura di Roma Mafia Capitale, tra chi è finito in carcere e chi ai domiciliari (qualcuno anche scarcerato), in cinque erano presenti a quelle cene.

Addirittura, come racconta chi ha partecipato a Roma, c’era un tavolo della 29 giugno, la coop di Salvatore Buzzi, ora al 41 bis, ritenuto dalla procura capitolina braccio ‘sinistro’ di Massimo Carminati. Buzzi sedeva al tavolo – come ha rivelato Claudio Bolla (anche lui arrestato in questa inchiesta e ora ai domiciliari) e presente a novembre scorso a quella cena – con Carlo Guarany e altre due persone.

Anche Carlo Guarany è coinvolto nell’inchiesta, definito dai magistrati capitolini come “stretto collaboratore di Buzzi” che “contribuisce alle operazioni corruttive e di alterazione delle gare pubbliche”. Anche il tavolo della 29 giugno, come tutti i presenti, ha pagato. Quindi è tra i finanziatori.

Ma non è finita. Qualche giorno fa il Fatto, dai verbali degli interrogatori, ha scoperto che alla cena romana di novembre scorso c’era anche Francesco Ferrara, arrestato il 4 giugno, dirigente della Cascina, coop vicina a CL, e ora ai domiciliari. A raccontare della sua presenza a verbale è Nacamulli: “Io Ferrara l’ho visto alla cena di Renzi e in quella occasione, no prima, in questa occasione nell’ufficio mio mentre parlava con Buzzi e Bolla di questa cosa”.

Renzi sicuramente non sapeva chi fossero tutti gli invitati alla cena, dato che come commenta qualcuno ‘c’era tutta Roma’, ma di fronte a queste notizie potrebbe pubblicare la lista, quantomeno per dare un segnale di trasparenza. Che esiste nelle parole, molto poco nei fatti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso escort, Tribunale di Bari dispone accompagnamento coatto di Berlusconi

next
Articolo Successivo

Carceri, c’è un’unica soluzione: ripensare il sistema penale

next