Litigavano spesso per motivi di lavoro che riguardavano il ristorante di cui entrambi erano soci. Oggi l’ennesimo e ultimo scontro, finito nel sangue proprio davanti a “Il mezzo marinaio”, il locale che gestivano insieme in darsena a Viareggio, in provincia di Lucca. “Ora camminate da soli”, ha detto Nicola Guidotti, 59 anni, rivolgendosi ai dipendenti del ristorante. Poi ha estratto la pistola e ha ucciso il fratello Mario, 51 anni, colpendolo con quattro colpi alla testa e al corpo mentre se ne stava andando in vespa. E la confessione è arrivata poco dopo l’omicidio, in commissariato: “Ho sparato a mio fratello” ha detto Nicola agli agenti.

Poco prima del delitto i due si erano sentiti per telefono e avevano discusso. Dopo la chiamata Nicola è andato al ristorante e la lite è continuata fuori dal locale. Poi, quando uno dei due è salito in Vespa per allontanarsi, l’altro lo ha ucciso e un agente fuori servizio ha dato l’allarme. Aveva sentito gli spari.

Non è chiaro se la vittima si stesse allontanando perché aveva visto che il fratello era armato o se lo stesse facendo semplicemente per interrompere la lite. I due fratelli erano soci del locale ma, a causa dei continui contrasti, ad aprile Nicola aveva cominciato a gestirne un altro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Costa azzurra, gli affari delle ‘ndrine in Martinica: ecco cosa svelano ultimi arresti

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco a Torino: “Lavoro necessario per la dignità”. Presente Marchionne

next