“Non commento queste cose”. Così il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha risposto ai giornalisti che, a margine di un convegno promosso dall’Ance a Napoli, gli hanno chiesto di commentare le vicende del presidente della Regione Campania, Vincenzo de Luca. Invece, in merito all’approvazione al Senato della delega per la riforma del codice degli appalti, Delrio ha affermato: “Rappresenta un grande lavoro per avere regole più trasparenti”. Anche il presidente Anac, Raffaele Cantone, sempre intervenendo al convegno, ha prima precisato di non voler rispondere a domande su De Luca e, poi, rispetto al codice degli appalti ha detto: “Può rappresentare un’argine vero contro malaffare e corruzione. Questo codice – sottolinea però Cantone – scommette moltissimo sull’Autorità Anticorruzione mettendola nelle condizioni di svolgere un ruolo nella regolamentazione degli appalti”. Ma quando gli si fa notare che proprio alcuni giorni fa l’ex premier Enrico Letta aveva dichiarato che la candidatura di De Luca da parte del Pd indicava, invece, una certa disattenzione sull’Anticorruzione, Cantone taglia corto dicendo di non aver sentito le parole di Letta  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, ‘Sinistra è cambiamento’: stampella ‘interna’ per Renzi. “Aiuteremo con proposte concrete”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Boldrini: ‘Appello all’Ue per soluzione condivisa. Merito ai milanesi’

next