IschiaAnche quest’anno con l’avvicinarsi dell’estate ad Ischia la stragrande maggioranza dei lavoratori del settore turistico diventa schiava: 10 ore di lavoro al giorno (quando va bene) e giorno di riposo abolito per agosto, il tutto per una paga da fame in barba alle più basilari regole e diritti dei lavoratori.

Qualche anno fa l’allora M5S dell’Isola d’Ischia aveva denunciato come tra Hotel, Ristoranti, e Parchi Termali fosse un’impresa quasi impossibile trovare dipendenti che beneficiassero ad agosto del sacrosanto giorno di riposo settimanale.

E che importa se sia la nostra Costituzione che all’art 36 tutela il diritto al riposo settimanale del lavoratore rendendolo “irrinunciabile”. Tutto ciò nel silenzio e immobilismo (complice?) dellIspettorato del lavoro che in tutti questi anni non ha fatto mai nulla di serio affinché questa “pessima abitudine” diventata “sistema” fosse sradicata.

A leggere i commenti in rete sembra che questo sia un fenomeno diffuso non solo all’isola d’Ischia ma generalizzato a tutte le località di turismo stagionale, il che non è certo motivo per rallegrarsi, anzi dimostra forse che il sistema dei controlli e del rispetto dei diritti dei lavoratori fa acqua da tutte le parti o ancora peggio manchi la volontà politica di farli rispettare.

 

Un’isola stupenda come Ischia, piena di tesori e bellezze naturali, meta ogni anno di milioni di visitatori da tutto il mondo non può legare il suo nome a pratiche di questo genere. Per questo, certo che il marcio non si sia ancora diffuso ovunque vorrei lanciare un appello a chi tra coloro che operano nel turismo hanno una concezione sana del rapporto con i lavoratori e del rispetto delle regole.

Se siete fra questi e i vostri dipendenti godono dei diritti più basilari (giorno libero settimanale, ferie pagate, orario legale…) segnalatelo nei commenti. Lo scopo è di creare una “white list” con la parte sana del turismo (isolano e non) affinché il rispetto dei diritti fondamentali diventi la regola e questa si ingrandisca con il tempo fino a includere tutti gli operatori del settore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luxottica, class action di 19 interinali: “Ci ha fatti restare precari a oltranza”

next
Articolo Successivo

“Stop false cooperative”: una proposta di legge contro sfruttamento e illegalità

next