Venti persone in preghiera per nove ore davanti alla Chiesa di San Domenico per un sit-in contro l’aborto, centinaia di manifestanti che sfilano in piazza contro l’iniziativa: centro storico di Bologna blindato per l’iniziativa organizzata dal comitato No-194.

Circa 200 persone sono scese in piazza per contestare la veglia di preghiera. Al corteo, colorato e rumoroso, hanno partecipato esponenti dell’Arcigay e dell’Arcilesbica, attivisti per i diritti lgbt , femministe e militanti dei centri sociali. Pochi invece i cattolici, poco più di 30, che dopo lo stop del prefetto, hanno trasferito il sit in dall’ospedale maggiore (dove era stato organizzato inizialmente) a piazza san Domenico, nel centro della città. I no 194 hanno dato vita a una preghiera collettiva davanti alla facciata della chiesa, in una piazza deserta e blindata dalle forze dell’ordine.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival della Lentezza, Celestini: “Quando la non velocità è scelta, diventa valore”

next
Articolo Successivo

Ex M5S Mussini dona parte stipendio a startup Parma sostenuta dalla giunta Pizzarotti

next