Il presidente russo Vladimir Putin si è fatto attendere per più di un’ora prima di salire sul palco allestito davanti al media center di Expo, dove ad aspettarlo c’era il presidente del consiglio Matteo Renzi. Putin nel suo intervento è rimasto molto in superficie, limitandosi ad un discorso di circostanza che ha ribadito le radici del rapporto di collaborazione tra Italia e Russia. Renzi si è spinto oltre. “Viviamo un quadro internazionale difficile, non solo per le questioni che non ci vedono uniti, ma anche per questioni che dovranno vederci sempre più dalla stessa parte in uno scenario sempre più complicato, a partire dalla minaccia terroristica internazionale”. E, ancora: “Lavoreremo insieme anche per riuscire tutti insieme a ripartire dalla tradizionale l’amicizia Italia-Russia per affrontare le tante sfide che ci vedono insieme, il lavoro che possiamo fare insieme ha radici antiche e noi vogliamo che abbia un futuro ricco d energia per il pianeta e di energia per la vita”  di Alessandro Madron e Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, luci e ombre dopo l’esordio

next
Articolo Successivo

Expo, Putin: “Le sanzioni alla Russia impediscono alle imprese italiane di lavorare”

next