Expo ha chiuso i battenti, gli operai da qualche giorno stanno già smantellando gli allestimenti interni, ma c’è chi sta ancora aspettando il pagamento per i lavori di realizzazione dei padiglioni, completati più di sei mesi fa.

In queste ore sta tornando alla ribalta il contenzioso tra la Rt-Expo srl (società del colosso Rostekh che aveva in gestione il padiglione Russia) e nove ditte italiane che hanno lavorato alla sua costruzione. La questione è vecchia di mesi, già a giugno era diventata di dominio pubblico, quando Catena Services, Coiver Contract, Ges. Co. Mont, Idealstile, Elios Ambiente, Mia Infissi, Vivai Mandelli, Sech costruzioni e Sforazzini avevano minacciato azioni legali per riuscire ad ottenere pagamenti per 950 mila euro.

I responsabili del padiglione hanno continuato a lamentare difetti nella realizzazione, rifiutandosi di pagare anche quando una perizia tecnica del tribunale di Milano ha accertato che i lavori erano stati “eseguiti a regola d’arte”. Rt-Expo ha chiesto un arbitrato internazionale e i tempi si sono ulteriormente dilatati. La faccenda si è così trascinata di settimana in settimana fino ad oggi, a manifestazione conclusa.

Il timore delle aziende italiane coinvolte è che i russi levino le tende in fretta e furia senza aver onorato il pagamento e senza essere riusciti a far porre sotto sequestro nemmeno una vite. Un timore che è diventato sospetto quando squadre di operai sono state viste al lavoro attorno al grande padiglione russo: “In questi giorni – spiega Marco Castiglioni della ditta Mandelli, che ha curato il verde per diversi padiglioni – noi siamo riusciti ad entrare nell’area con pochi mezzi e pochi uomini, ma davanti al padiglione russo c’erano già mezzi pesanti pronti a caricare materiale e diverse squadre di operai al lavoro”.

In effetti in questi giorni l’area Expo è accessibile solo per piccoli lavori. Ai gestori dei singoli padiglioni è stato chiesto di provvedere prima allo smontaggio di arredi, allestimenti interni e componenti tecnologiche, per poi iniziare, dopo metà novembre, con i lavori sulle strutture. Fino a quel momento Expo non ha autorizzato l’accesso a mezzi pesanti. Un divieto che, stando ai rilievi delle ditte italiane, i russi starebbero aggirando: “Ieri abbiamo chiesto l’intervento dell’Asl – continua Castiglioni – sono arrivati, ma oggi i lavori erano già ripresi”.

Della vicenda si è interessata anche la politica. In particolare la parlamentare Pd Laura Puppato si è fatta portavoce delle aziende trevigiane coinvolte nella vicenda, portando la questione all’attenzione del ministro Maurizio Martina: “Il ministro ha detto che se ne occupa e cercherà di capire quali sono i termini della vicenda – ha dichiarato la senatrice dem al quotidiano La Tribuna di Treviso -. Non possiamo, dopo il successo di Expo, lasciare l’amaro in bocca alle ditte italiane che hanno contribuito al miracolo lavorando giorno e notte, anche se la vicenda è colpa della Russia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Expo 2015, lavori in corso: decumano deserto, albero della vita spento e padiglioni smantellati (FOTO)

next
Articolo Successivo

Expo, a un mese dalla chiusura è mistero su incassi e tipo di biglietti venduti

next