Il giorno dopo la débâcle elettorale in Veneto di Alessandra Moretti, i veneziani commentano il risultato clamoroso che ha visto la candidata del Pd sotto di oltre 27 punti rispetto al leghista Luca Zaia. I pareri degli intervistati sono diversi. “Secondo me era impreparata“, è il giudizio di un giovane veneziano. “Non mi ha assolutamente convinto”, “Non aveva argomenti validi”, “L’ho votata per pietà”, sono le parole raccolte. Una delle spiegazioni che ricorre tra le persone è che la Moretti fosse poco conosciuta e che sia stata poco presente sul territorio. Le sua dichiarazioni di qualche mese fa sul fatto di frequentare l’estetista una volta a settimana per avere “uno stile ladylike (“uno stile che deve piacere”), non sembra avere peso tra gli intervistati: “Queste sono stupidaggini – spiega una giovane veneziana – e se per qualche elettore ha contato, questo è un deficiente”. Diversi pensano che la sconfitta della Moretti sia da ritrovare nella forza schiacciante della Lega Nord e del governatore Zaia: “Basta che ti guardi in giro, ci sono un sacco di extracomunitari. Forse ci vuole un po’ di polso in più e per questo non hanno votato lei“. Qualcun altro accusa il Pd: “Troppo disorganizzato”  di David Marceddu

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni comunali 2015, risultati. Fiazza, 20 anni, è il sindaco più giovane d’Italia

prev
Articolo Successivo

Elezioni regionali 2015, è il primo stop per Matteo Renzi? Vox più sondaggio

next