Frasi a effetto in vernacolo, clamorosi errori di stampa, slogan improbabili. Risultato: un bestiario. Si avvicina l’election day del 31 maggio (si vota per le regionali in Veneto, Puglia, Campania, Liguria, Toscana, Marche e Umbria oltre che per molti comuni) e i muri delle città italiane interessate dalla tornata elettorale sono già coperti dai manifesti dei candidati. Da Nord a Sud è tutto un florilegio di facce, simboli, proclami e colori. Non mancano clamorosi errori di stampa (in Puglia la politica è diventata un “bere comune”) e cattivo gusto assortito. Ecco qualche esempio della fantasia dei candidati (e di chi ne segue la comunicazione).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Regionali 2015, il camper della candidata Salvatore a Genova e la sosta vietata

next
Articolo Successivo

Impresentabili, Renzi vs Bindi: “Antimafia per regolare conti Pd”. Lei: “Falso”

next