Lo avevano annunciato in mattinata. “Nessuno spazio a Matteo Salvini“. Con questo intento una cinquantina di manifestanti hanno cercato di far irruzione in largo Pertini – pieno centro di Genova – dove in quel momento si stava tenendo il comizio finale della Lega Nord, in vista delle elezioni regionali di domenica 31 maggio. Gli antagonisti sono stati bloccati in passo Montale, davanti al teatro Carlo Felice e lì hanno ingaggiato uno scontro frontale con la polizia, lanciando bottiglie di vetro, uova, bombe carta e fumogeni. La tensione è salita proprio quando Salvini ha preso la parola sul palco. “Quelle camionette dovrebbero essere in giro per la città ad inseguire spacciatori e delinquenti – ha concluso poi il leader della Lega – non tenere a bada cinquanta disadattati” di Lorenzo Tosa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Impresentabili, escluso il peculato. Falanga (FI): “Altro che quattro, sarebbero 400”

next
Articolo Successivo

Comunali Chieti, candidato dem riceve incarico da giunta Pd del Comune vicino

next