Un gol che vale più della salvezza. Jonas Gutierrez, centrocampista argentino del Newcastle United, ha segnato la rete del 2-0 contro il West Ham, che ha permesso alla squadra di rimanere in Premier League. Ma c’è di più. È la prima rete della stagione e viene dopo 11 mesi di inattività, durante i quali Gutierrez abbandona temporaneamente il calcio e vola in Argentina per curarsi dal cancro a un testicolo, diagnosticato nel 2013.

“Sono venuto qui in Argentina a curarmi assumendomi i costi, nonostante io abbia un contratto con il Newcastle. Ma i soldi non sono importanti – spiega in un’intervista ad una tv argentina – Ciò che conta è la salute e io dovevo cominciare la chemioterapia. Ho rimosso il testicolo sinistro – continua il centrocampista – sono tornato in Inghilterra e il Newcastle mi ha detto di andarmene. È stata dura vedere i miei capelli che cadevano. Non volevo tagliarli. Lottare contro un cancro rende insignificanti tutti gli altri problemi”.

Il 17 settembre 2014, il centrocampista della Fiorentina Borja Valero gli dedica un tweet in spagnolo con l’hashtag #FuerzaJonasGutierrez: “Il calcio ti dà molto, ma la vita sta sopra ogni altra cosa. Vincerai questa partita

È il 4 marzo 2015. Il Newcastle affronta il Manchester United in casa. Il difensore Ryan Taylor viene sostituito con Gutierrez, che rientra in campo dopo 11 mesi. Il Saint James’ Park, lo stadio del Newcastle, esplode in un’ovazione. Per festeggiare il rientro, il capitano Fabricio Coloccini gli passa la fascia e a Gutierrez torna il sorriso. Poco importa se la partita è stata persa 1 a 0.

Passano due mesi e mezzo e avviene il miracolo. È il 24 maggio: Newcastle United contro West Ham, una sfida che vale la salvezza per i bianconeri. Per rimanere nella massima serie servono 3 punti. Jonas Gutierrez non solo serve l’assist per il gol dell’1 a 0 di Moussa Sissoko, ma chiude la partita con il gol del 2 a 0: un preciso diagonale che batte il portiere avversario e manda in visibilio il St. James’ Park.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Ancelotti esonerato dal Real Madrid. Ora tornare al Milan non è follia

next
Articolo Successivo

Gigi Buffon lascia la Carrarese: “Il mio è stato un gesto d’amore non ripagato”

next