Sono il candidato ideale al lettino dello psicanalista freudiano. Ho il complesso di Edipo, mia madre è stata miss Incanto a Firenze negli anni 60, quando tua madre è una miss il complesso di Edipo è centuplicato. Non si scappa, nemmeno a 46 anni. Mio padre era un gigante, pesava 170 chili, ma era bellissimo, un ingegnere che vendeva turbine a vapore (mai capito nulla di meccanica e di tante altre cose), ed era buono come il pane. Non ho mai avuto il coraggio di fare un figlio, non riesco, e non riesco nemmeno a trovarmi un lavoro, sto così bene in questo stato di figlio che mi è impossibile essere a mia volta padre (preservativi bucati permettendo). Con le donne sono un disastro, mi comporto da bambino viziato, e tutte prima o poi mi lanciano addosso un addio aerodinamico.

Vivo in una costante pulsione di morte, respirare, il solo respirare, per me è una immensa fatica di Sisifo, una fatica senza senso. Ma ho l’inconscio verticale, non voglio sdraiarmi sul lettino, e tra Freud e Marietto scelgo Marietto. Napoli vince su Vienna: dieci a zero. Marietto è un caro amico, gli voglio bene, ogni volta che viene a trovarmi devo accendere la videocamera, non prepariamo nulla, improvvisiamo, andiamo a braccio, è l’unico modo per rispettare la genuina intelligenza di Marietto.

Ci sediamo, a volte sul divano, e iniziamo a parlare, lo stuzzico e lui reagisce, gli parlo delle mie ansie sessuali e desolanti, delle mie astrazioni convulse, e lui mi mette a tacere col suo umorismo innato, con la sua spiccata predisposizione alla vita. Marietto è stato uno scugnizzo, e quando sei stato scugnizzo lo sei per sempre, hai la salsedine nel sangue, le corse in bicicletta, i giochi inventati per strada, i primi baci appassionati dati a dieci anni, forse nove, sai già tutto della vita, il resto è superfluo, conosci il retrogusto amaro delle cose, e ti fai una risata.

Il termine “scugnizzo”, forse deriva dal verbo latino “Excuneare” (rompere con forza), è una questione dibattuta, non si sa di preciso, ma una cosa posso dirla con certezza: Marietto mi ha fatto risparmiare molti soldi. Freud lo lascio volentieri nei salotti borghesi, sopra i lettini, e io vado in strada con Marietto, lo scugnizzo. Consiglio a tutti la cura Marietto, anche questa è una cura – con le parole -. Solo che ogni parola ha un sapore, e c’è sempre il mare a bagnarle.

Aforisma del giorno:
Ho toccato il fondo, e mi sono eccitato. E non era nemmeno un fondoschiena.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità: il paziente, da ricoverato a ospite. Il ‘magone’ di Dal Ben

next
Articolo Successivo

Sconsigli per esistenzialisti

next