Che a cinque giorni dal via all’interno dell’area Expo il cantiere sia ancora lontano dall’essere terminato è ormai notizia risaputa. Tra gru, ponteggi e operai al lavoro l’inaugurazione del primo maggio si annuncia una mezza farsa. Allargando lo sguardo al complesso sistema di strade e parcheggi realizzati e sistemati proprio per l’evento, la valutazione non può che peggiorare. A pochi giorni dalla partenza ufficiale, l’autostrada A8 Milano-Laghi resta un cantiere, con riduzioni di carreggiata, svincoli ancora chiusi e mezzi al lavoro nelle due direzioni. Stessa sorte per il raccordo della A4, dove sono in bella mostra cataste di jersey e cumuli di terra. Uno dei principali parcheggi realizzati in vista dell’esposizione universale, quello all’ex Alfa di Arese, non è ancora completato. Anche qui operai al lavoro per sistemare le colonnine di accesso all’immensa distesa d’asfalto e tutto intorno reti di cantiere, blocchi e segnaletica provvisoria. Qui sosteranno ogni giorno 10 mila automobili (al costo di 12,20 euro), ma l’area non è certo il biglietto da visita che ci si aspetterebbe da un evento come l’Expo. Una no man’s land in cui il gigantesco piazzale, incatramato di fresco, fa a pugni con con le strutture arrugginite dell’ex stabilimento Alfa. Welcome to Expo2015 di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, non solo padiglioni: viaggio tra strade e parcheggi non completati

next
Articolo Successivo

Expo 2015, l’ira di papa Francesco sui tre milioni spesi per il padiglione vaticano

next