Il prefetto di Reggio Emilia ha avviato “una complessa ricognizione” su buona parte dei comuni reggiani, Brescello compreso. All’esito di questi controlli, si valuterà “se sarà necessario ricorrere all’istituzione di una commissione d’accesso” contro il rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata. Così il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, al question time in Parlamento. Parlando del caso di Brescello Alfano ha osservato come “in effetti il primo cittadino del comune emiliano aveva recentemente rilasciato alcune positive dichiarazioni sul conto di uno stretto congiunto del boss calabrese Nicolino Grande Aracri, dichiarazioni di cui lo stesso sindaco ha successivamente riconosciuto l’inopportunità“.

Nelle scorse settimane il vicepresidente della Commissione antimafia Claudio Fava aveva mandato una lettera al presidente della Repubblica e al prefetto per chiedere una commissione d’accesso sul caso Brescello. Sulla vicenda, inoltre, il ministro dell’Interno ha aggiunto, “ha anche pesato la concomitanza dell’inchiesta giudiziaria ‘Aemilia’, che ha riguardato le infiltrazioni della criminalità calabrese in quel territorio e anche in regioni limitrofe, evidenziando il ruolo di primo piano proprio del boss calabrese Grande Aracri. In particolare, è stata confermata, anche da questa inchiesta, la capacità di penetrazione della ‘ndrangheta nel tessuto socio-economico emiliano anche se non sono emersi finora elementi che evidenzino la compromissione di istituzioni locali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marzabotto, Renzi: “Mi inginocchio davanti alla storia”. E canta “Bella ciao”

next
Articolo Successivo

Cpl Concordia, atti arrivati a Modena. I pm rinnovano richieste d’arresto

next