Una guida anti-criminalità per gli ultrà tedeschi in trasferta a Napoli. Il Wolfsburg ha pubblicato sul suo sito un manuale per i tifosi in vista della sfida di Europa League prevista allo stadio San Paolo per il ritorno dei quarti di finale. Nella nota i tedeschi indicano ai propri tifosi una serie di comportamenti e individuano i luoghi di Napoli da evitare per non essere vittima della criminalità. Particolare attenzione è rivolta alle condizioni stradali: “Le strade italiane sono molto vivaci e dense”. Il comunicato sottolinea che il codice stradale non è sempre rispettato dagli italiani, raccomandando particolare prudenza anche in presenza di semafori verdi e strisce pedonali.

Ampia considerazione tedesca soprattutto nei confronti della criminalità: il Wolfsburg avvisa i tifosi della massiccia presenza di borseggiatori a Napoli. Il consiglio a prestare la massima attenzione è rivolto principalmente ai “turisti distratti“. La nota del club menziona gli atteggiamenti più comuni dei ladri: urtano le persone, distraggono le vittime sporcando loro gli abiti mentre un’altra persona si occupa di prelevare borse e oggetti. I luoghi “caldi” sono quelli molto frequentati e i mezzi pubblici. Agli ultrà tedeschi è consigliato di tenere gli oggetti di valore sul corpo piuttosto che dentro a valigie e di evitare di portare la borsa sul lato della strada per non incorrere in scippi su motocicletta. Il consiglio generale alla tifoseria tedesca è di muoversi in gruppo e non lasciare oggetti visibili nella propria auto. In attesa della sfida di Europa League, i tifosi del Wolfsburg possono quindi usufruire di una serie di consigli, più o meno stereotipati, per la sopravvivenza a Napoli, sperando di recuperare al San Paolo i quattro gol subiti all’andata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni inglesi, proposta del Labour: “Per legge il 10% dei club di calcio ai tifosi”

prev
Articolo Successivo

Diritti tv e nuovo stadio: il West Ham taglia del 57% il prezzo dei biglietti

next