Inizierà alle 22 del 4 maggio lo sciopero dei benzinai sulla rete autostradale, in programma per 48 ore (fino alle 22 del 6 maggio) e proclamato dalle organizzazioni di categoria dei gestori delle aree di servizio autostradali, Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio. Si tratta della terza tornata di scioperi, e questa volta in prossimità di Expo 2015, da parte dei gestori dopo quelle già effettuate tra il 4 e 5 marzo e il 31 marzo e 1.aprile.

In una nota congiunta le associazioni parlano di “assoluta mancanza di iniziativa” da parte del ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del ministero dello Sviluppo economico. “Come non era stato difficile pronosticare – si legge nella nota – i rappresentanti del governo non hanno dato alcun seguito alle sterili riunioni delle scorse settimane, né hanno offerto nemmeno il minimo segno di attenzione alle questioni di interesse generale sottoposte loro da tempo: dalla qualità del servizio pubblico che dovrebbe caratterizzare un bene dato in concessione, quale è il ‘nastro’ autostradale, ai costi, sia in termini di pedaggio che di royalty pretese sulle vendite di carburanti e ristorazione, imposti a tutto il sistema e, in ultimo, ai consumatori. Una inerzia che ormai non riesce più a nascondere l’evidente soggezione dei Ministeri competenti agli interessi ingentissimi che fanno capo alle società concessionarie“, continuano Faib, Fegica e Anisa.

L’Autorità di garanzia per gli scioperi annuncia anche “iniziative attive di protesta” da tenere nei giorni di sciopero “che coinvolgeranno la viabilità autostradale nelle vicinanze della sede dell’Expo Milano“. Una richiesta di attenzione che intende quindi sfruttare il grande evento per richiamare l’interesse del Governo sulla protesta contro la riorganizzazione del settore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Zucchi, da Buffon e banche socie ok a domanda per concordato preventivo

prev
Articolo Successivo

Contributi editoria, Ciarrapico condannato a 3 anni per provento illecito

next