“Uscire da approccio emergenziale della gestione dell’immigrazione e adottare una politica stabile e comune all’insegna della solidarietà e della equa ripartizione delle responsabilità europee”. Così Cécile Kyenge, eurodeputata Pd, alla presentazione del rapporto di iniziativa per un’azione coordinata nel Mediterraneo al Parlamento europeo. “Bisogna passare da Mare Nostrum ad Europa nostram”, spiega la Kyenge, “con una richiesta agli Stati membri di condividere anche le operazioni di search and rescue“. L’eurodeputata fa sapere che nel rapporto finirà anche “la lotta contro l’immigrazione clandestina, il pacchetto asilo e una richiesta di inchiesta su come sono stati spesi i fondi europei”. Triton? “Sforzi non sufficienti, ci vuole un passo avanti invece è stato fatto passo indietro”, risponde la Kyenge, che sottolinea come “i salvataggi di questi giorni  sono stati fatti dalla Marina militare e dalla Guardia costiera non da Triton”   di Alessio Pisanò

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Appunti dal mondo a km zero – Kirkuk  

next
Articolo Successivo

George Soros ha la risposta a Salvini: l’università dove i rom diventano leader

next