Una giovane donna si è risvegliata dal coma scoprendo di avere partorito un bambino. Sharista Giles di Sweetwater, in Tennessee, nel mese di dicembre ha avuto un incidente d’auto mentre tornava a casa da un concerto con gli amici. Le sue condizioni erano talmente gravi che i medici credevano che non si sarebbe mai ripresa. Al momento dell’accaduto la ragazza di 20 anni era incinta di cinque mesi e il personale ospedaliero è stato costretto a praticare un parto cesareo prematuro per salvare la vita al bambino.

La zia della ragazza – parlando alla tv americana Abc news – ha espresso la gioia della famiglia, che su Facebook aveva aperto un gruppo di solidarietà e preghiera: “I medici ci avevano detto che non potevano più fare niente per lei. Ma Sharista ha continuato a lottare: ha aperto gli occhi contro tutte le previsioni dei dottori. E ha potuto vedere suo figlio”. Quando la ragazza si è svegliata ha iniziato subito a seguire i movimenti che avvenivano intorno a lei nella camera d’ospedale. Suo padre le ha quindi mostrato la foto del bambino che aveva partorito. “Sharista ha seguito l’immagine con lo sguardo – ha aggiunto la zia – dimostrando di volerla rivedere”. Molti medici sostengono che finché la madre resta viva il feto continua a svilupparsi e può nascere e sopravvivere, se non ci sono particolari complicazioni. I gentiori della ragazza chiamano il nipotino “Baby L.”, in attesa che la madre possa scegliere per lui un nome. Baby L. è ancora ricoverato in ospedale, così come Sharista, ma continua a crescere e prendere peso. La madre della ragazza ha detto ai media: “Non abbiamo mai mollato. Ha combattuto duramente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La strage in Kenya, il senso di appartenenza e l’aberrante gesto del dividere in suo nome

next
Articolo Successivo

Ultima cena, non solo pane e vino: menù per Gesù e apostoli con pesce e fichi

next